Sbloccare visuali e immobilismo/Sblocchi democratici via smart phone e social network/Situazioni da sbloccare

Anime incappucciate e Cuori Murati nella città vecchia di Taranto al passaggio dei Sacri Misteri

Ogni tanto, mi chiedo cosa abbia in mente chi fotografa i Riti della Settimana Santa Tarantina. Non credo esista una spiegazione unanime. Spirito di comunità, devozione, tradizione, cultura, conoscenza, turismo, curiosità, si intrecciano. E, sicuramente, ogni confratello in pellegrinaggi e processioni a Taranto nel triduo pasquale, aveva intorno amici e parenti pronti a fotografare ogni momento. Io, guardo e riguardo alcune immagini del ritorno dei Sacri Misteri nell’isola, nell’anno giubilare 250 anni dopo la donazione delle due statue più antiche dell’Addolorata e di Gesù Morto, e mi fermo a chiedermi quanto ancora dovremo vedere quei palazzi murati della città vecchia di Taranto, metafore a cielo aperto delle ferite costanti, subite e non rimarginate, e quanto ancora dovremo assistere alla disarmonia tra chi in quei vicoli e postierle ci lascia continuamente il cuore, chi quei vicoli li usa e chi quei vicoli li ignora.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.